20 aprile 2014 · Ultime notizie:

Villini di lusso ai senzatetto, Alemanno si dimetta

Stefano Pedica

Stefano Pedica

Richieste di chiarimenti e minacce di manifestazioni in piazza del Campidoglio sono le prime risposte e reazioni alle notizie sull’assistenza ai senza casa in un residence a 4 stelle, tra Ardeatina e Gra, con canone da circa 2.200 euro. «Alemanno ha passato il limite – dice Stefano Pedica, senatore IdV, che annuncia un’interrogazione parlamentare – In via di Fioranello il Comune spende 8 milioni di canone in tre anni per villini di lusso. A Roma abbiamo 30mila domande per alloggi popolari, l’emergenza abitativa, quella vera, bussa da mesi alle porte del Campidoglio ma resta ignorata». Contro i villini extralusso, il senatore chiede verifiche dei requisiti degli occupanti e lo sblocco delle graduatorie: “tutti gli abitanti del residence d’oro abbiano i requisiti per ottenere l’alloggio popolare -e richiede che vengano – subito sbloccate le graduatorie affinchè tutti abbiano lo stesso trattamento degli esponenti di estrema destra. Con 2.256 euro al mese Alemanno prende a schiaffi in faccia chi il dramma dell’emergenza abitativa lo vive da anni“. Il Comune risponde con nota ufficiale: «I contratti dei residenze ereditati dalla passata gestione presentano un costo mensile ragguardevole e superiore a quelli di questa amministrazione».

Critiche anche dal Partito Democratico che in una nota inviata da Marco Miccoli chiede chiarimenti al sindaco: “Roma è stanca degli scandali e dei soldi buttati da parte del Campidoglio di Alemanno. Dopo Parentopoli, Appaltopoli, i bandi sui punti verdi, il caso Orsi ora sta venendo a galla un nuovo caso di malagestione del Comune di Roma: quello relativo al bando per le emergenze abitative che prevede lo stanziamento di ben 2.200 euro a famiglia al mese nel residence a quattro stelle, con campi da tennis, centro ippico e sorveglianza 24 ore su 24 (fatta da una società con sede alle Isole Vergini!). Va bene dare assistenza alle famiglie bisognose ma la cifra pare eccessiva. Poi non sono neanche chiari i termini dell’affidamento fatti dal Comune di Roma e come sono stati scelti i fortunati affittuari”.

Alessandro Onorato, capogruppo Udc in Campidoglio chiede chiarezza: “in merito a quanto emerso sul residence di Borgo del Poggio, presenteremo domani un’interrogazione urgente al Sindaco perché chiarisca la vicenda. Dobbiamo evitare che affrontare l’emergenza nasconda uno spreco che pesa sulle tasche dei cittadini romani. Le politiche sulla casa non possono limitarsi a interventi emergenziali come affittare residence a prezzi esorbitanti. Bisogna mettere in campo provvedimenti strutturali che consentano per esempio alle giovani coppie di acquistare case a prezzi agevolati, oltre a un reale piano di edilizia popolare. Anche in questo caso, dopo tre anni, la giunta Alemanno dimostra di aver fatto poco o niente”.

Notizie correlate

Comments

  1. mauro lentini says:

    pedica e i suo amici del pd dovrebbero informarsi bene prima di dar seguito alle fesserie del messaggero. villino di lusso e smart spacciate dal cronista del messaggero come auto da nababbi! ma per favore! le case dell’ardeatina (ci vive un mio amico) sono semplicemente dignitose, non i lager di veltroni, questi sì pagati a peso d’oro.
    ieri sul sito del comune è comunque disponibile l’elenco completo dei residence affittati dal comune. bene, i più costosi e i più degradato sono quelli della giunta veltroni. guardasse prima in casa sua, l’onorevole, invece di indignarsi ipocritamente e senza conoscere le cose.
    di più: il giorno prima di dimettersi, veltroni stipulò un contratto d’affito per il residence pietralata, dove il costo mese per alloggio è di oltre 5000 euro! ma per fare propaganda e disinformazione politica per pedica & co. tutto va bene. alla faccia di chi si trova in emergenza abitativa.

Commenta

*