26 novembre 2014 · Ultime notizie:

Rauti sbaglia ci si batta ora per le quote rosa

Monica Cirinnà

Monica Cirinnà

«Non mi piace parlare di quote ma di equa rappresentanza di genere. La collega Isabella Rauti invoca scelte dettate da criteri tra cui il merito, il radicamento territoriale e la militanza. Tali principi devono essere applicati a tutte le candidature, siano esse di uomini o di donne, direi principalmente agli uomini visto che sono quelli maggiormente rappresentati». Così Monica Cirinnà, consigliere comunale del Pd, replica a Isabella Rauti che ieri sul Messaggero spiegava: «Sì alle quote rosa, ma i partiti scelgano candidate con curriculum». Spiega Cirinnà: «Auguro alle amiche che militano nei partiti del centrodestra di avere la capacità e la forza politica per imporre all’interno del loro schieramento quelle regole di democrazia paritaria che il Pd si è già dato». Ancora: «Conosco da anni la collega Rauti che ha una tempra combattiva, perciò spiace leggere che non ritenga questi i mesi giusti per sostenere la battaglia per il radicamento della cultura di genere nelle istituzioni: alla vigilia di queste elezioni che cambieranno il destino dell’Italia il ruolo delle donne diventerà strategico e innovativo».

Commenta

*