31 ottobre 2014 · Ultime notizie:

Il Pd attacca Alemanno, rivogliamo Roma

Gianni Alemanno

Gianni Alemanno

Critiche al libro pubblicato dal sindaco, arrivano da tutta l’opposizione. Il Pd risponde con 800mila pieghevoli che saranno distribuiti nei circoli della città e inviati a tutti i romani nelle loro case. «Basta alemannopoli, rivogliamo Roma, si legge nel pamphlet». Il Pd ha accusato l’amministrazione capitolina di avere aumentato le tasse e distribuito meno servizi. In particolare sono state aumentate le tariffe per i rifiuti (+20% in due anni), il biglietto dell’autobus (1.50 euro), aumenti delle mense scolastiche. L’addizionale Irpef è salita allo 0,9% il massimo consentito. Riguardo ai servizi, dice il Pd, il trasporto pubblico ha perso 5 milioni di chilometri di corse solo nel 2011. Roma poi è la città che spende di più per l’igiene urbana, ma come ha certificato l’autorità di controllo sui servizi locali, le strade sono sempre più sporche. Insomma un fallimento, secondo il Pd che accusa Alemanno «di aver distribuito poltrone agli amici e di aver aumentato di debiti in Ama (1,3 miliardi) e Atac (800 milioni). E non ha creato infrastrutture». Per Alessandro Onorato, capogruppo Udc in Campidoglio, «per spiegare i successi di Alemanno bastava un post-it. Con lui non ci sono stati grandi cambiamenti, se non più tasse e più scandali, mentre i problemi della città come la mobilità, l’emergenza abitativa e il decoro sono peggiorati». Per Francesco Storace, segretario nazionale de La Destra, «l’insistenza di Alemanno sulla sua ricandidatura sta diventando provocatoria».

Commenta

*