25 ottobre 2014 · Ultime notizie:

Polverini, piano triennale per il settore aerospaziale

Renata Polverini

Renata Polverini

Trentamila addetti, 250 aziende: in questi numeri si riassume l’importanza del settore aerospaziale per il Lazio. Ieri il presidente della Regione, Renata Polverini, a Tolosa ha partecipato all’inagurazione dello «Space show» (salone internazionale dedicato al settore dell’aerospazio), dopo aver visitato anche gli stabilimenti dell’Airbus dove si assemblea il gigante dei cieli, l’A380. Il Lazio era ospite d’onore, insieme all’Asi (agenzia spaziale italiana) e Renata Polverini ha spiegato: «Quello dell’aerospazio è un settore strategico. La mia presenza, qui, infatti, vuole proprio sottolineare l’importanza di avviare una collaborazione tra istituzioni per far fronte alle economie dei Paesi emergenti. Vogliamo lavorare in cooperazione con le altre regioni». Il Lazio fa parte di Nereus, un sistema che tiene in rete le regioni forti in questo settore, e si è candidato alla presidenza. Inoltre, si sta muovendo per dare nuovo impulso al settore. «Abbiamo adottato nel maggio del 2011 un ambizioso Programma strategico regionale sulla ricerca, l’innovazione ed il trasferimento tecnologico con una dotazione di 237,5 milioni di euro. Cito in particolare 58 milioni di euro per 4 nuovi bandi a favore dell’innovazione delle Piccole e medie imprese anche aerospaziali, disponibili fino al 2013 e finalizzati a realizzare iniziative ad alto contenuto innovativo e di ricerca industriale per progetti di spin-off, co-research, microinnovazione e voucher dedicati all’innovazione». Recentemente la Regione Lazio ha dato il sostegno a cinque nuovi progetti di ricerca e formazione nel settore aerospaziale di cui hanno beneficiato, tra l’altro, «la Avio con il successo del suo lanciatore Vega realizzato a Colleferro, e la Thales Alenia Space-Italia per la produzione di nuovi sistemi spaziali presso il suo stabilimento di Roma».

Commenta

*