19 dicembre 2014 · Ultime notizie:

Cassa integrazione +83% allarme di Unindustria

Unindustria

Unindustria

Numeri da incubo. Roma e il Lazio, a giudicare dai dati sulla cassa integrazione, attraversano una crisi di gran lunga più profonda di quella già grave a livello nazionale. Mentre in Italia, nel primo trimestre del 2012, «si rileva un incremento della cassa integrazione totale del 2,1%», nel Lazio «la crescita e dell’83,6%». È quanto emerge da uno studio di Unindustria che evoca uno scenario economico apocalittico. Secondo l’indagine, c’è un aumento enorme della cassa integrazione ordinaria, «con le ore salite da 3 a 4,7 milioni e una variazione in più pari a al 57,6%». La cassa integrazione straordinaria ha un incremento pari a +26,5%» mentre «esplode la Cig in deroga che nel Lazio, a differenza del modesto incremento nazionale, triplica le ore autorizzate, da 3,3 a 9,8 milioni».

Le statistiche si riferiscono ai primi tre mesi dell’anno. Per la Cig ordinaria, secondo Unionindustria, c’è un aumento delle ore totali (+21,8%) e di quelle autorizzate nell’Industria (+34,6%), mentre si registra un calo nell’Edilizia (-9,8%). La cassa integrazione straordinaria, invece, diminuisce del 14,7% complessivo (da 94,8 a 80,9 milioni) e del 20,5% nell’Industria, mentre raddoppia nel Commercio. Le ore (straordinarie) nell’Edilizia aumentano di quasi il 200% (da 189 a 559 mila) e nel Commercio passano da 225 a 857 mila. La cassa integrazione nel Commercio all’ingrosso sale da 192 a 528 mila ore e per Alberghi e pubblici esercizi passa da 140 a 662 mila ore. Per mercoledì 18 al Pantheon è prevista una fiaccolata promossa da imprenditori, sindacati e lavoratori. L’iniziativa, promossa dalla Federlazio, ha avuto l’adesione di Cisl, Ugl e Cgil, Confcommercio, Coldiretti e Confesercenti. «Nel 2011 si afferma in una nota sono fallite 12 mila aziende (+7,4% rispetto al 2010). Tra il 2009 e il 2011 ci sono stati mille suicidi per motivi economici».

Commenta

*