22 dicembre 2014 · Ultime notizie:

Stupro a Torpignattara, il pm conferma l’accusa

Polizia di Stato

Polizia di Stato

Adesso il pm attende soltanto che venga fissato l’incidente probatorio. Perché gli accetamenti eseguiti dal sostituto Stefano Pesci non lasciano margini di dubbio sul fatto che nel parco dell’Alessandrino, lo scorso 20 agosto, si sia consumato uno stupro. Il magistrato ha acquisito la registrazione della telefonata che la presunta vittima, 48 anni, ha fatto al 113 per chiedere soccorso: dal tono di voce emergerebbe con chiarezza lo stato di shock della donna. Circostanza che rende ancor meno credibile la versione di Khaled Pitre, arrestato poco dopo la denuncia. L’uomo, in sede di convalida, si è difeso dall’accusa di violenza sessuale e rapina sostenendo di avere avuto con quella donna un rapporto sessuale consensuale e di avere pagato 50 euro. Anche in merito allo zaino che, secondo gli inquirenti Bitre avrebbe sottratto alla signora, sono stati eseguiti ulteriori accertamenti. Gli agenti intervenuti nel parco dopo la chiamata sono stati sentiti dal pm e hanno riferito di averlo trovato per terra aperto, mentre Khaled Bitre tentava di fuggire. Il marocchino di 24 anni aveva invece sostenuto di non sapere nulla dello zaino della donna.

Commenta

*