20 dicembre 2014 · Ultime notizie:

Scoperta una discarica abusiva all’Idroscalo

Guardia di Finanza

Guardia di Finanza

Aveva un giro di affari degno di una multinazionale: 15mila euro al giorno. Guadagni da capogiro, specie se la merce trattata è immondizia. Rifiuti tossici e industriali: quelli che entravano quotidianamente nella discarica abusiva a cielo aperto individuata ad Ostia dai finanzieri del Comando provinciale di Roma. L’impianto era allestito nella zona dell’Idroscalo, su un’area demaniale di circa 8mila metri quadri in cui erano stoccati rifiuti di ogni genere: rottami di rame e ferro, automezzi, container, pale meccaniche, addirittura roulotte e perfino cisterne.
Tutto (o quasi) poteva essere ingoiato dalla discarica. Bastava pagare profumatamente et violà, i rifiuti ingombranti sparivano e non erano più un problema. I baschi verdi hanno appurato che l’impresa che ora deve rispondere dell’illecito (specializzata nel trattamento di materiale ferroso) si era impossessata – recintandola – della superficie di territorio sulla quale erano stati anche realizzati (ovviamente senza alcuna concessione edilizia) manufatti adibiti a magazzini ed uffici. Due gli amministratori della società in questione denunciati all’autorità giudiziaria per traffico illecito di rifiuti e violazione della normativa in materia di sicurezza sul lavoro. Uno dei lavoratori identificati è risultato essere completamente in nero. di M.Fab.

Commenta

*