24 novembre 2014 · Ultime notizie:

Ospedale San Camillo, continua la protesta dei medici

Azienda Ospedaliera San Camillo-Forlanini

Azienda Ospedaliera San Camillo-Forlanini

Richieste irrinunciabili, ma non ancora ascoltate. E la protesta del San Camillo va avanti ad oltranza. Le richieste del personale medico, in occupazione simbolica da una settimana, sono chiare e peraltro confermate dal direttore generale Aldo Morrone: alla struttura servono 18 posti letto in più per acuti e 6 di terapia intensiva per smaltire i codici gialli e rossi del pronto soccorso, è necessario inoltre un incremento di 20 unità del personale medico. Misure urgenti per dare ossigeno soprattutto alle attività di emergenza che, dopo 3 mesi dalle foto choc che ritraevano pazienti assistiti con massaggi cardiaci a terra, non sono affatto migliorate. Ieri una cinquantina di camici bianchi, aderenti a tutte le sigle sindacali della dirigenza medica, si sono riuniti in sit-in per protesta. «Stiamo spettando una risposta dalla Regione Lazio. Non si può più lavorare in queste condizioni – ha spiegato Bruno Schiavo, esponente dell’Intersindacale medica San Camillo Forlanini – frequentemente vengono ridotti i ricoveri programmati mentre in ogni reparto spuntano 2 o 3 letti lungo i corridoi. Siamo di nuovo al collasso». Alla protesta dei medici si è aggiunta anche quella di infermieri e tecnici che ieri hanno manifestato tutti insieme. di L.Loi.

Commenta

*