24 novembre 2014 · Ultime notizie:

L’elettrocardiogramma ora è anche dell’anima

Ospedale San Filippo Neri

Ospedale San Filippo Neri

L’arte entra in corsia e la terapia diventa il teatro. L’iniziativa, pronta a partire nel dipartimento cardiovascolare del San Filippo Neri, si rivolge ai pazienti malati di cuore e cerca di sostenerli durante la loro degenza in ospedale e non solo. I pazienti cardiopatici, da maggio, saranno invitati e aiutati a mettere per iscritto il loro stato d’animo, descrivendo paure ed emozioni. Quei testi saranno poi messi in scena, in un vero e proprio laboratorio teatrale. L’iniziativa nasce da un’idea della scrittrice Rosalba Panzieri. «Il gesto teatrale è un modo per rimodellare lo spazio ospedaliero in una forma più familiare. La narrazione delle sofferenze è uno strumento potentissimo: i racconti dei medici e dei pazienti diventano infatti degli elettrocardiogrammi dell’anima a cui i medici dovranno far riferimento per guardare la malattia dal di dentro, dal punto di vista dell’uomo prima ancora che dall’analisi delle patologie». Il progetto è stato sposato con entusiasmo anche dagli specialisti del San Filippo Neri: «Dobbiamo restituire autentica dignità al paziente – spiega il direttore del dipartimento cardiovascolare, Massimo Santini – affinché non sia solamente una malattia o un numero di un letto. Confronteremo i risultati ottenuti dai pazienti che hanno aderito al laboratorio con quelli che non hanno partecipato: gli esiti della ricerca saranno poi condivisi con altri ospedali». di L.Loi.

Commenta

*