26 novembre 2014 · Ultime notizie:

Evasione domiciliari, Casilino e Romanina con recidivi

Francesco Tagliente

Francesco Tagliente

Controlli a tappeto per assicurarsi che vengano rispettate le misure restrittive alternative al carcere. La polizia ha bussato a casa di 1381 persone, di cui 1079 sottoposti agli arresti domiciliari, 127 al regime di libertà vigilata, 101 alla sorveglianza speciale e 74 alla sorveglianza con obbligo di soggiorno. La macchina della prevenzione della Questura è scattata da oltre una settimana, impegnando i 49 commissariati coordinati della Divisione Anticrimine. Il setacciamento è stato disposto dal questore, Francesco Tagliente in attuazione di una strategia che vede il rilancio dell’azione di prevenzione dei reati. «Quello della prevenzione – dice Tagliente – rappresenta insieme all’azione di contrasto, un importante fronte su cui orientare le energie delle forze dell’ordine. Le persone ammesse alle misure alternative alla detenzione carceraria richiedono un costante monitoraggio sia per verificare il rispetto delle prescrizioni, sia perché sono soggetti ritenuti a rischio di commettere illeciti». Il quartiere dove vengono violati maggiormente gli obblighi è il Casilino, dove sono 12 le persone denunciate: 3 per evasione e 9 per la violazione della misura della sorveglianza speciale. Altre 6 violazioni sono state riscontrate alla Romanina, dove un 43enne dallo scorso 18 settembre è stato denunciato per 3 volte, in relazione a 3 diverse violazioni della sorveglianza speciale. Poco lontano dalla fontana di Trevi, un 40enne, anche lui agli arresti domiciliari, è stato arrestato perché aveva violato l’obbligo e girava con un punteruolo in tasca. Sono state trovate tutte nelle loro abitazioni a San Basilio, invece, le oltre 100 persone sottoposte a regime restrittivo. di P.Vu.

Notizie correlate

Commenta

*