22 dicembre 2014 · Ultime notizie:

Mercato di Testaccio in via Galvani apre il 28 marzo

Un mercato ortofrutticolo

Un mercato ortofrutticolo

Frutta, verdura e non solo. Anche macellerie, coltivatori diretti e prodotti tipici regionali. Lo storico mercato rionale di Testaccio cambia casa e punta tutto sulla qualità, soprattutto per risollevare le sorti dei banchi in affanno. La nuova sede in via Galvani aprirà i battenti il 28 marzo e i 101 banchi potranno insediarsi nei nuovissimi box tutti dotati di acqua corrente, utilizzando anche dei frigoriferi, i bagni e gli spogliatoi. Un mercato di ultima generazione, realizzato con la formula del project financing dalla società Cogeim, che costerà ai singoli esercenti circa 4500 euro al mese per 20 metri quadri, contro i circa 2000 attuali di Testaccio. Ma i venditori dovranno anche vedersela con la concorrenza: «Dopo l’apertura del farmer market al Mattatoio, due anni fa, abbiamo perso oltre il 30% delle vendite – spiega il presidente dei commercianti, Mauro Sartor – e ora ci spostiamo nella stessa area, peraltro a due passi dal mercato di via Ettore Rolli. Chiediamo dunque che il Campidoglio ci venga incontro». La paura è quella di ritrovarsi soffocati dalle spese per il canone d’affitto, come accaduto al nuovo mercato Trionfale (sempre targato Cogeim) in cui i 274 operatori restano sul piede di guerra dopo lo sciopero e il blocco del traffico della scorsa settimana. Non va meglio a Ponte Milvio: al momento dell’inaugurazione – maggio 2008 – c’erano 74 punti vendita al piano terra e ben 40 negozi sui 2 piani superiori. «Dal 2009 – racconta il presidente, Giovanni Papi – le vendite si sono ridotte del 60% e 15 banchi hanno chiuso». Problemi infine anche per il mercato Gianicolense, in piazza San Giovanni di Dio. «I commercianti temono spese troppo elevate», conclude Papi. di Lorena Loiacono

Notizie correlate

Commenta

*