28 novembre 2014 · Ultime notizie:

Giovanna d’Arco, l’eroina del cinema

Renée Falconetti

Renée Falconetti

Seicento anni fa nasceva Giovanna di Domrémy. A lei, fanciulla, guerriera, santa, Alphaville Cineclub (via del Pigneto 283) dedica la rassegna cinematografica Storia di Giovanna, che comincia domani sera alle 21 per concludersi domenica 15. Si tratta di cinema di grandi autori che hanno raccontato la Pulzella d’Orleans, eroina tra mito e realtà, indispensabile protagonista del cinema fin dalle origini. Del 1895 è infatti una inquadratura fissa di Edison sino alle gesta spettacolari di lungometraggi più recenti, come quello Besson, senza dimenticare la commovente citazione godardiana in Questa è la mia vita del 1962. Giovanna d’Arco, figlia di contadini, analfabeta, a 13 anni comincia a credersi visitata da messaggeri celesti che la esortano a pietà, e poi, descrivendole le piaghe della Francia, la spingono alla cacciata degli Inglesi. Così, persuasa di essere stata scelta da Dio per compiere il miracolo della salvezza della Francia, si fissa gli scopi da raggiungere: liberazione di Orléans, consacrazione a Reims del re Carlo VII, attacco a fondo contro gli Anglo-Borgognoni. Ma, dopo la vittoria, l’eroina viene tradotta a Rouen, dinanzi ad un tribunale di ecclesiastici, condannata come scomunicata ed eretica, arsa viva. Da Shakespeare a Voltaire, da Schiller a Shaw hanno scritto di lei. Nel 1900, dopo Edison ed il suo Execution of Joan d’Arc, Méliés gira Jeanne d’Arc in 12 tavole animate. Nove anni dopo, Albert Capellani dirige Jeanne d’Arc per la Pathé e Mario Caserini firma La vita di Giovanna d’Arco per la Cines. Del 1916 è il pioneristico kolossal, Joan the Woman, di Cecil B. De Mille con Geraldine Farrar. E nel ’28 il compito è di Dreyer (La passione di Giovanna D’Arco). Nel II dopo guerra arrivano i film di Fleming, Rossellini, Preminger, Bresson, Rivette, Besson. Per informazioni sul programma chiamare: 3393618216.

Notizie correlate

Commenta

*